La newsletter dedicata agli iscritti SIC

La newsletter dedicata agli iscritti SIC (maggio)

Chirurgia, simposio sulla formazione con Latteri, Montorsi e Basile

Giovedì 4 e venerdì 5 maggio, allo Sheraton Hotel di Acicastello, si terrà il 1° Joint Symposium on Surgical Education dal titolo “Training, Teaching, Tricks for Surgery”, organizzato dall’American College of Surgeons (Italy Chapter), dalla Società italiana di ricerche in Chirurgia (Sirc), dalla Società siciliana di Chirurgia (Ssc) e dall’Università di Catania (dipartimento di Scienze mediche, chirurgiche e tecnologie avanzate “Ingrassia” e scuole di specializzazione in Chirurgia generale e dell’Apparato digerente dell’Università di Catania). Nel corso delle due giornate di lavori saranno analizzate opportunità e metodologie della formazione dei chirurghi mediante la disamina di aspetti tecnici della pratica chirurgica. Apriranno i lavori il prof. Mario Adelfio Latteri, il prof. Marco Montorsi, la prof.ssa Barbara Lee Bass e il prof. Franco Mosca (ordinario di Chirurgia dell’Università di Pisa).
http://www.hashtagsicilia.it/scienze/salute/chirurgia-simposio-sulla-formazione-latteri-montorsi-basile-16580


CNR: Scoperto nuovo gene per Sclerosi Multipla e Lupus

Uno studio condotto dall’Irgb-Cnr e Università di Sassari, pubblicato su New England Journal of Medicine, individua per la prima volta il gene che innesca il processo alla base della Scelrosi multipla e del Lupus. All’origine del rischio di sviluppare sclerosi multipla (Sm) e lupus eritematoso sistemico vi sarebbe infatti una particolare forma di Tnfsf13B, un gene che presiede alla sintesi di una proteina con importanti funzioni immunologiche: la citochina Baff. “Dopo sei anni di ricerche siamo stati in grado di identificare la correlazione diretta il rischio di sviluppare la Sm o il lupus e tra una particolare forma del gene Tnfsf13B. L’individuazione di questo nesso di causa- effetto è un evento rarissimo in studi di questo genere”. Lo dichiara Francesco Cucca, docente di genetica medica a Sassari e direttore dell’Istituto di ricerca genetica e biomedica del Cnr.
http://www.lescienze.it/lanci/2017/04/27/news/cnr_scoperto_nuovo_gene_per_sclerosi_multipla_e_lupus-3505713/


Cancro: "Un risparmio di 7,6 miliardi di euro con più prevenzione"

In Italia solo il 4,2% della spesa è destinato alla prevenzione. Eppure è stato calcolato che se si raggiungesse il livello del 5% previsto dai Lea, l’incidenza della spesa sanitaria pubblica sul Pil scenderebbe dal 9,2% all’8,92%. Sono alcuni dei dati emersi dal Rapporto sullo Stato dell’oncologia in Italia 2017 presentato in Senato. Nel nostro Paese sono stati registrati 365.800 nuovi casi di tumore, circa 1.000 ogni giorno. Ma la buona notizia è che la sopravvivenza a 5 anni dei pazienti è progressivamente migliorata, grazie al successo dei programmi di screening, all’approccio multidisciplinare e alle terapie innovative, superando il 60% (55% nei maschi, 63% nelle femmine, con un miglioramento rispettivamente del 18% e del 10% rispetto a 10 anni fa).
http://www.repubblica.it/oncologia/news/2017/04/27/news/piu_prevenzione_lavoro_in_team_e_umanizzazione_delle_cure_per_battere_il_cancro-163959519/


L’adroterapia presso il centro di Pavia ora accessibile e gratuita per tutti i malati oncologici

D’ora in avanti l’adroterapia sarà gratuitamente a disposizione di tutti i malati oncologici a cui sarà indicata. Il Governo ha inserito il trattamento a base di protoni e ioni carbonio - una forma avanzata di radioterapia - nei livelli essenziali di assistenza. Il trattamento è al momento erogato in una sola struttura italiana: il Centro Nazionale di Adroterapia Oncologica (Cnao) di Pavia, dove finora sono stati trattati poco più di novecento pazienti. La sua efficacia è stata in ultimo ribadita in una pubblicazione apparsa l’anno scorso su “The Lancet Oncology”. Il presidente della Fondazione Cnao, Erminio Borloni, stima che “nel nostro Paese ci siano almeno 4500 pazienti oncologici ogni anno che necessitano dell’adroterapia come migliore risposta terapeutica alla loro malattia”.
http://www.lastampa.it/2017/04/27/scienza/benessere/ladroterapia-presso-il-centro-di-pavia-ora-accessibile-e-gratuita-per-tutti-i-malati-oncologici-GrtIxXwqTxgEZPw4rVvIxM/pagina.html


Trapianti, possibile usare reni di donatori con epatite C

Anche i reni di donatori con epatite C, attentamente selezionati, potrebbero essere usati per i trapianti, accorciando le liste d'attesa. Lo affermano i risultati di un piccolo test dell'università della Pennsylvania pubblicati dal New England Journal of Medicine, nel quale la malattia è stata poi curata nei riceventi con i nuovi 'superfarmaci'. Ogni anno solo negli Usa, scrivono gli autori, almeno 500 reni in ottime condizioni sono scartati perchè il donatore ha l'epatite C.
http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2017/05/03/trapianti-possibile-usare-reni-di-donatori-con-epatite-c_7a7702a3-cfbd-4734-932a-4b0fe03d3048.html


Ricreare il grembo materno: una nuova speranza per i bambini prematuri

Molti studi hanno esplorato nuovi modi per curare la nascita prematura, con un successo limitato. Nelle ultime ricerche del Children’s Hospital of Philadelphia, i ricercatori hanno cambiato il loro approccio pensando a un bambino precoce come un feto, anziché come neonato. Un nuovo dispositivo potrebbe rivoluzionare le cure: un liquido amniotico fatto in laboratorio in cui immergere per diverse settimane i piccoli subito dopo la nascita, una "bio bag" che ricrea il grembo materno.
http://www.tgcom24.mediaset.it/salute/ricreare-il-grembo-materno-una-nuova-speranza-per-i-bambini-prematuri_3068598-201702a.shtml


Il fungo letale e resistente ai farmaci. A New York 44 casi negli ospedali

La Candida auris sta seminando il panico negli ospedali americani, soprattutto di New York e del New Jersey. Il super fungo potenzialmente letale resistente ai farmaci, micete lievitiforme, è stato isolato per la prima volta nel 2009 nel canale uditivo di un 70enne giapponese, e poi “migrato” in diversi Paesi, tra cui Stati Uniti e Gran Bretagna. Il primo caso in Europa è avvenuto a Londra, in un ospedale cardiologico: tra aprile 2015 e luglio 2016 ci sono stati 50 casi. Negli ultimi mesi a New York i casi di infezione sono stati 44, con 17 morti. Il primo caso negli Stati Uniti risale al 2013, ma la vera diffusione del super-fungo è iniziata l’anno scorso.
http://www.corriere.it/salute/malattie_infettive/17_aprile_28/fungo-letale-resistente-farmaci-new-york-44-casi-ospedali-4f870194-2c01-11e7-a45f-5318c0275c1e.shtml


Dieta senza glutine non protegge la salute del cuore

La dieta senza glutine non dà nessun beneficio in termini di salute del cuore se a seguirla è una persona che non soffre di celiachia, anzi in questo caso potrebbe essere dannosa. Lo afferma uno studio su 110mila soggetti della Columbia University, pubblicato dal British Medical Journal. I ricercatori hanno analizzato i dati di 65mila donne e 45mila uomini, seguiti tra il 1986 e il 2010 e divisi in cinque livelli a seconda del consumo di glutine stimato. Dai gruppi sono stati esclusi i soggetti che hanno ricevuto una diagnosi di celiachia. Dallo studio non è emersa nessuna associazione tra il glutine e le patologie cardiache, con quelli nel gruppo a minore consumo che hanno mostrato gli stessi tassi di malattia degli altri.
http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/alimentazione/2017/05/03/dieta-senza-glutine-non-protegge-salute-cuore_eb78bbc5-0874-49c7-a668-a8f97675a7c0.html